Cos'è questo? Da questa pagina puoi usare i link ai Web Sociali per salvare da “Una donna” di Sibilla Aleramo in un servizio di social bookmarking, o usare il form per inviare via E-mail un link del post a chi preferisci.

Web Sociali

Invia e-mail

E-Mail
febbraio 04, 2011

da “Una donna” di Sibilla Aleramo

Scritto in: News

[...] E incominciai a pensare se alla donna non vada attribuita una parte non lieve del male sociale.

Come può un uomo che abbia avuto una buona madre divenir crudele verso i deboli, sleale verso una donna a cui dà il suo amore, tiranno verso i suoi figli?

Ma la buona madre non deve essere come la mia,una semplice creatura di sacrificio:

deve essere una donna, una persona umana.

E come può diventare una donna, se i parenti la danno, ignara, debole e incompleta, a un uomo che non la riceve come una sua uguale; ne usa come d´un oggetto di proprietà; le dà dei figli coi quali l´abbandona sola,mentr’egli compie i suoi doveri sociali, affinché continui a baloccarsi (divertirsi) come nell’infanzia?

Dacché avevo letto uno studio sul movimento femminile in Inghilterra e in Scandinavia, queste riflessioni si sviluppavano nel mio cervello con insistenza.

Avevo provato subito una simpatia per quelle creature esasperate (irritate)

che protestavano in nome della dignità di tutte sino a recidere in sé (troncare-rompere) i piú profondi istinti, l’amore, la maternità, la grazia.

Sempre più il mio pensiero cadeva sulla parola emancipazione, che ricordavo di avere sentito nella mia infanzia,

da mio padre seriamente, ma poi sempre con derisione da ogni classe di uomini e di donne.

Indi avevo paragonato a quelle ribelli la gran folla delle donne inconsapevoli, delle rassegnate, il tipo di donna plasmato nei secoli per la soggezione (sottomissione), e di cui io, le mie sorelle, mia madre, tutte le creature femminili da me conosciute,eravamo degli esemplari…

Un fatto di cronaca mi indusse un giorno di scrivere un articoletto e a mandarlo a un giornale di Roma che lo pubblicò. Era in quello scritto la parola femminismo, e quella parola, dal suono cosí aspro mi indicò un ideale nuovo, che io cominciavo ad amare come qualcosa migliore di me.

VIVERE! Ormai lo volevo,non piú solo per mio figlio,

ma per me, per tutti.

Sibilla Aleramo

tratto da “Una donna”

  • Share/Bookmark

Ritorna a: da “Una donna” di Sibilla Aleramo