Cos'è questo? Da questa pagina puoi usare i link ai Web Sociali per salvare Lei (Canto d’amore alla Musa) - Ed. LietoColle in un servizio di social bookmarking, o usare il form per inviare via E-mail un link del post a chi preferisci.

Web Sociali

Invia e-mail

E-Mail
febbraio 11, 2011

Lei (Canto d’amore alla Musa) - Ed. LietoColle

Scritto in: Testi Dona Amati

 saffo00.jpg
Questi nostri occhi, fermi, impietosi ormai,
accesi al rosso della stessa luna.
Noi sole, acciottolate  nei corpi da
trasfigurare in mescolanze lucide
inarcate come un balzo inerte dal sesso sospeso.
Ti cercherò la lingua macchiata d’impudenza
dalle mie dita berrai la sete fausta lasciando
il bisogno caldo punzecchiarti il grembo,
riempirne denso il calice vuoto.
Tu frani vicina, invadi come manto
di seta, pelle di femmina,
maestoso mantello da ricucire.
Del tuo taglio ora schiuso l’incendio
mi specchia donna amante
contendente colmata di canto di clito.
Oltre le note di divinazioni scoperte
infiammate sui tuoi seni di cera.
Sei bella.
Offerta nel profilo morbido
che cede, come maleficio d’incanto.
Non è tempo di allentare il movimento
della conoscenza, oscura attrice.
Voglio sciogliere lo sfinimento
impallidirti del respiro tutto
razziarti il fremito
come innaturale preda
che s’abbraccia di me, concessa.

Dona Amati 2007

  • Share/Bookmark

Ritorna a: Lei (Canto d’amore alla Musa) - Ed. LietoColle