Cos'è questo? Da questa pagina puoi usare i link ai Web Sociali per salvare Fernanda Romagnoli (1916-1986) “Sola” in un servizio di social bookmarking, o usare il form per inviare via E-mail un link del post a chi preferisci.

Web Sociali

Invia e-mail

E-Mail
febbraio 20, 2011

Fernanda Romagnoli (1916-1986) “Sola”

Scritto in: AUTORI, News

200px-fernanda_romagnoli.jpg

 Bastò che nel tuo plasma
s’ammutinasse un atomo: alzò gorghi
tutta la foce. E crollò la fortezza
di settantasei anni. Fu feroce
il dettato di resa. In un minuto
la tua carne divenne un ectoplasma
dai gesti incomprensibili,
il tuo sguardo un messaggio indecifrabile
come da muto a muto.
Nulla avevamo appreso dalla vita,
nulla, che s’adombrasse in quel linguaggio.
Poi cedettero i gorghi. E tu già stavi
disciolta da noi vivi. Verso incerte
balugini dischiusa. Maturavi
sola – nella placenta della morte.

Fernanda Romagnoli, da Il tredicesimo invitato, Garzanti 1980

  • Share/Bookmark

Ritorna a: Fernanda Romagnoli (1916-1986) “Sola”